Oro d’immigrazione

 

Di Bruno Bonsignore

I cittadini stranieri in Italia sono 5 milioni, versano nelle casse dello Stato 11 miliardi di euro in contributi previdenziali e dichiarano al fisco 33 miliardi di euro. Ricevono una remunerazione mensile di € 900, contro la media degli italiani di € 1300. Sono un fattore di crescita di tutti i Paesi europei, afferma Cecilia Malmstrom della Commissione Europea Affari Interni, ed aiutano l’Italia a difendere la sua competitività internazionale. E non solo in termini economici: alle ultime Olimpiadi, ad esempio, ben 18 medagliati dell’Inghilterra erano Immigrati.

Siamo tutti Immigrati
Se risaliamo indietro nel tempo scopriamo che le nostre radici genealogiche impallidiscono fino a rendere pressoché impossibile fissare il punto da cui siamo partiti. Tranne forse poche privilegiate casate nessuno è D.O.C. e può esibire una Documentazione d’Origine Controllata. Da vicino o da lontano, siamo tutti immigrati che però respingono gli ultimi arrivati.
Ostacolano l’integrazione, complicano le procedure per ottenere i documenti e quindi la possibilità di lavorare e quindi il diritto di votare.
Certo, ci sono gli irregolari –almeno 600mila stima la Caritas- e poi c’è il problema della lingua. Ma una ricerca condotta dai professori Devillanova e Frattini della Bocconi e dall’University College di Londra ci serve una bella sorpresa:
gli Immigrati in Italia senza alcun titolo di studio sono il 3,3% contro l’11,2% della media italiana (il 7,7% della provincia di controllo-campione di Varese); quelli con un titolo di scuola media sono il 34,9 contro il 30,1 dell’Italia (Varese 32,1), quelli col diploma superiore 41,5% contro il 26,2 (Varese 26,0).
E con la laurea? Gli Immigrati sono il 10,3% contro la media nazionale italiana del 7,2 (Varese 6,9).

Il laureato
Almeno uno degli otto o dieci immigrati che ogni giorno incontriamo per strada ha una laurea.
La popolazione immigrata è più laureata di quella italiana.
Uno pensa va bè ma tutti quegli immigrati illegali sballano di sicuro queste cifre …? Falso.
I clandestini, dimostrano implacabili Devillanova e Frattini, sono più scolarizzati degli italiani, le donne con l’11,30% di laureate, gli uomini col 9,60%.
E noi come impieghiamo questo oro straniero?
Al 34% facciamo fare le pulizie, accompagnare i nostri vecchi e l’assistenza domestica, al 18% altre forme di assistenza, il 12% fa il muratore, poi il commercio ambulante, il facchino, il portinaio.

Cervelli sprecati
Siamo complici inconsapevoli di un doppio danno, gli inglesi lo chiamano brain drain, perché sono proprio i più istruiti che se ne vanno dal loro Paese d’origine che così facendo impoveriscono ancora di più, e brain waste perché nei Paesi di destinazione questi talenti vengono sottoutilizzati.
Così perdiamo oltre che un’occasione di solidarietà tante diversità, culture, ottiche, valori, sapori, creatività, competenze, saggezza, esperienze, energie, soluzioni.

Condividi:

Altri Articoli Recenti

L’etica nel lavoro

“Il mondo è la totalità dei fatti, non delle cose”, cosi direbbe Wittgenstein e a far da sponda filosofica ci troveremmo Kant.  Vorrei partire da

Frenare per salvarsi

Il 26 maggio 2021 i giornali battono la notizia che il freno di emergenza della funivia del Mottarone a Stresa sarebbe stato disattivato intenzionalmente dagli

Torna a tutti gli Articoli