L’etica di un lusso discreto

 

Di Bruno Bonsignore

 

Sognare non è un lusso
Porsche

Il suicidio è un lusso, i poveri non hanno nemmeno la libertà di uccidersi
Totò

Lusso? Le grandi donne hanno bisogno di grandi diamanti
Elizabeth Taylor

La casa con l’ascensore è di lusso
Legislazione italiana

Le quattro citazioni dicono che il lusso è un’ottica, ciascuno di noi custodisce la sua ma con l’aiuto di alcuni macro-descrittori è possibile delineare dei concetti ampiamente condivisi come lo status, il piacere, l’eccellenza, l’esclusività, la rarità, l’investimento .

Le ricerche di mercato dimostrano che la luxury brand è riconducibile a tre settori e li identifica con chiarezza: alta moda, gioielli, automobili impegnati in una gara senza esclusione di colpi tra prestigio, emozione, raffinatezza, prezzo , originalità …

La moda, argomenta Simmel (Georg Simmel, La Moda, 1895), è un lusso per pochi in un gruppo e non appena tutti possono fare ciò che fino a prima era solo per alcuni non è più moda e si autodistrugge perché elimina la diversità.

Un autentico – etico? – merito della moralità può essere quello di resistere, anzi lottare contro la tentazione del lusso, ma se la moda –intesa dal marketing come estrinsecazione del lusso- non è, per definizione, per tutti, allora il problema dell’eticità del lusso non si pone nemmeno poiché non causa alcuna privazione a chi non può permetterselo.

D’altra parte si può negare a ciascuno il diritto di essere differente, il piacere di sottolinearne l’originalità, la singolarità, la dissomiglianza?

Se è l’ostentazione del lusso a generare un eccessivo divario sociale, può essere la discrezione a renderlo “sostenibile” (un diamante è per sempre) restituendogli la dignità perduta e il diritto di tutti a prenderlo in considerazione? Non solo di sognare ma di poterselo permettere.
Il marketing etico propone un’ottica provocatoria all’industria del lusso. Sarà accettata?

Condividi:

Altri Articoli Recenti

L’etica ai tempi dello Smart Working

Posto di lavoro. È cosi che lo abbiamo chiamato nell’ultimo secolo. Ora, nel nuovo secolo che inizia nel 2021, questo termine dobbiamo pluralizzarlo. Lo Smart

Verso la responsabilità

Si dice giustamente che nel tempo presente, di fronte alla necessità -per ogni cittadino- di rispondere ad aspettative sempre nuove, più delle conoscenze tecniche, professionali,

L’etica nel lavoro

“Il mondo è la totalità dei fatti, non delle cose”, cosi direbbe Wittgenstein e a far da sponda filosofica ci troveremmo Kant.  Vorrei partire da

Torna a tutti gli Articoli