Viaggio in Svezia

Una borsa di studio un po’ particolare

Oggi vi segnaliamo una storia interessante.

Cristina Cannone è un’amica di Assoetica e ha deciso di condividere con noi una vicenda che incarna un grande senso della responsabilità individuale. Cristina lavora come professionista e studia svedese all’Università degli Studi di Milano nel tempo libero.

Qualche settimana fa ha vinto un premio messo in palio dal sito Visit Sweden, un voucher di 30.000 corone svedesi (corrispondenti a 3.500 euro) da spendere per un viaggio in Svezia. Lei in Svezia ci era già stata l’estate precedente e proprio grazie a quell’esperienza aveva potuto scattare le fotografie che le hanno fatto vincere il premio.

E così, consapevole delle difficoltà che hanno le università italiane a erogare borse di studio per mandare i propri studenti e le proprie studentesse all’estero, Cristina ha deciso di reinvestire il suo premio: sarebbe andato a uno degli studenti del primo anno della sezione di Scandinavistica dell’Università degli Studi di Milano. A chi avesse ottenuto i risultati migliori agli scritti.

Ecco com’è finita questa storia: il premio della community of Sweden devoluto agli studenti.

 

Condividi:

Altri Articoli Recenti

L’etica nel lavoro

“Il mondo è la totalità dei fatti, non delle cose”, cosi direbbe Wittgenstein e a far da sponda filosofica ci troveremmo Kant.  Vorrei partire da

Frenare per salvarsi

Il 26 maggio 2021 i giornali battono la notizia che il freno di emergenza della funivia del Mottarone a Stresa sarebbe stato disattivato intenzionalmente dagli

Torna a tutti gli Articoli