Il 5G e le responsabilità globali

di Valter Carasso

La questione è seria. L’Internet delle cose – IOT -è possibile con la Rete 5G. Tutti brindano al nuovo mondo e al nuovo modo di interconnettere ogni cosa. Se ogni cosa è collegata, non per fatto divino o teorico-scientifico, ma perché qualcuno ha la capacità di realizzarlo, come possiamo fidarci di quel qualcuno? La storia recente ci insegna che la guerra tra superpotenze è passata dal confronto sul campo a quello “poco virtuale” della Cyberguerra. Gasdotti che esplodono a causa di Troyan presenti nei Software. Accade dai tempi del Dossier Farewell. Ancor più noto il malware Stuxnet, creato da israeliani e statunitensi e autorizzato dal governo di Barack Obama per sabotare le centrifughe iraniane fondamentali per l’arricchimento dell’uranio e per lo sviluppo nucleare del nemico di Israele. Lo stesso “Flame”, altro programma messo a punto da NSA e Israele, ha come principale obiettivo punti impianti strategici presenti in Medioriente. Come titolava il 28 marzo 2019 IL SOLE “24 ORE: “Usa contro Cina, l’Europa in mezzo: sul 5G si gioca la partita per il futuro dell’economia globale” articolo interessantissimo scritto da Andrea Blondi e Luca Salvioli. “In questi mesi si stanno depositando tonnellate di cavi e antenne, ma anche collezionando migliaia di pagine di report da parte delle grandi agenzie di intelligence. a partire da CIA, FBI, e NSA. Stati Uniti contro Cina e l’Europa in mezzo”.
Ma è giusto che una superpotenza, qualunque essa sia, debba avere il controllo tecnologico o la capacità di creare Troyan e Malware in grado di determinare collassi ai sistemi economici di Paesi ostili? Non sarebbe più etico, creare un team di ricerca mondiale a cui far partecipare tutti i Paesi con i loro scienziati e garanti, per verificare che i software e le tecnologie sviluppate siano portatrici sane di progresso? Perché il 5G di Huawei spaventa li USA? Forse perché sono arrivati prima loro degli americani o proprio perché gli americani hanno sperimentato in passato, quanto sia manipolabile (a proprio vantaggio) una rete globale. Il mondo non ha forse il Diritto all’autotutela? Perché deve essere un Privato a sviluppare tecnologie di uso globale?
Dovrebbe essere un organismo centrale e comunitario a controllare e finanziare lo sviluppo delle tecnologie che ogni individuo andrà ad utilizzare. La diffidenza e le diverse culture hanno impedito di fatto un dialogo sano tra Paesi sviluppati e tecnologicamente avanzati. Dal clima al 5G, non esiste un senso comune. “La potenza è nulla senza controllo”. Cosi recitava un noto claim pubblicitario degli anni 90. Oggi, ad essere incontrollata è la smania di prevaricazione economica da parte di Stati Uniti e Cina in primis. L’Europa dovrebbe essere coesa per contrastare questo processo. Baluardo di cultura e storia, ha molto da insegnare agli altri popoli. La pace si deve guadagnare sul campo. Il “bene comune” è un termine di cui solo noi europei capiamo profondamente il significato. Aprire la questione a livello internazionale non è solo un dovere ma una priorità assoluta.

Condividi:

Altri Articoli Recenti

L’etica ai tempi dello Smart Working

Posto di lavoro. È cosi che lo abbiamo chiamato nell’ultimo secolo. Ora, nel nuovo secolo che inizia nel 2021, questo termine dobbiamo pluralizzarlo. Lo Smart

Verso la responsabilità

Si dice giustamente che nel tempo presente, di fronte alla necessità -per ogni cittadino- di rispondere ad aspettative sempre nuove, più delle conoscenze tecniche, professionali,

L’etica nel lavoro

“Il mondo è la totalità dei fatti, non delle cose”, cosi direbbe Wittgenstein e a far da sponda filosofica ci troveremmo Kant.  Vorrei partire da

Torna a tutti gli Articoli