Letteratura per manager (IV) – Gli Esordi di Antonio Moresco

Curato da Francesco Varanini, direttore scientifico di Assoetica, Letture Etiche è il nostro speciale dedicato ai consigli di lettura per questa estate 2014. La recensione e le domande etiche su Gli Esordi di Antonio Moresco è l’ultima puntata.

[Leggi la recensione a Casa d’Altri di Silvio D’Arzo e le relative domande etiche]

[Leggi la recensione a Fratelli d’Italia di Alberto Arbasino e le relative domande etiche]

[Leggi la recensione a Vita standard di un venditore provvisorio di collant di Aldo Busi e le relative domande etiche]

Antonio Moresco, Gli esordi, Feltrinelli, 1998, pp. 544; poi Mondadori, 2011, pp. 673

Moresco è un reduce del ‘68 che ha coltivato negli anni con pervicacia, nonostante difficoltà e insuccessi, il progetto di affermarsi come grande romanziere. Grande romanziere: non scrittore affermato, autore di best seller; non solo testimone di un’epoca, esponente esemplare di una stagione; ma scrittore raffinato, elitario, destinato a durare nel tempo e ad essere considerato un classico.

Impossibile dire oggi se Moresco attingerà a questa fama. Per intanto, è osannato, anche in modo eccessivo, da una schiera di fedelissimi apologeti, mentre è pressoché ignorato -o stroncato- da buona parte della critica ‘ufficiale’: i curatori delle pagine culturali dei quotidiani nazionali, i manovratori che presiedono alle scelte delle principali case editrici.

Eppure è riuscito a farsi pubblicare da Feltrinelli prima e da Mondadori poi. Gli esordi è il primo romanzi di una vasta trilogia, ambiziosa, impegnativa. Gli esordi: povertà in infanzia; gli anni in seminario, mosso da una dubbia vocazione; gli anni dedicati al lavoro politico: intensi, dispersivi e per molti versi assurdi; la possibile affermazione come scrittore, perseguita tra gli Anni Ottanta e Novanta in una Italia ridotta a mondo cinico, dove il futuro sembra negato, o rimosso.

Forse il romanzo non è riuscito, forse non ha quei pregi assoluti che pretendono gli apologeti; forse l’opera non è così originale come qualcuno sostiene, e anzi vi si colgono evidenti citazioni di di uno standard: l’intricato sterminato romanzo alla Pynchon o alla De Lillo. Ma proprio qui sta probabilmente il valore del testo, e del suo autore: l’attraversamento del buio sempre con la disposizione a vedere, a cercare, squarci di luce; lo sfidarsi al limite, il tentativo ambizioso, il dare il massimo; l’impegnarsi allo spasimo, andando contro luoghi comuni e facili andazzi.

(Così, nel consigliare Gli esordi, dobbiamo ricordare anche un altro, connesso libro di Moresco, Lettere a nessuno, una sorta di cronaca degli anni bui, il lavoro su di sé e la critica spietata alle falsità del piccolo mondo dei letterati di professione. Qui Moresco sputa il veleno, sfoga i rancori, permettendo a se stesso di dedicarsi senza troppi pesi a scrivere Gli esordi, che ha anche pagine di felice, aerea leggerezza).

Domande etiche

  • Ognuno ha una autobiografia e ha il diritto di narrarla. Ognuno ha il diritto dovere di coltivare per sé il sogno e il progetto di essere un ‘grande scrittore’
  • Pensare di cambiare il mondo attraverso un processo rivoluzionario è un progetto da uomo adulto o è una fuga dalla realtà?
  • Quando l’essere leader è un servizio? E quando invece l’essere leader è imporre agli altri i propri bisogni narcisistici, infantili?

*Letture etiche è un progetto editoriale curato da Francesco Varanini. Nel 2000 Varanini ha pubblicato il libro Romanzi per manager, recentemente ripubblicato in versione digitale. 

Condividi:

Altri Articoli Recenti

L’etica ai tempi dello Smart Working

Posto di lavoro. È cosi che lo abbiamo chiamato nell’ultimo secolo. Ora, nel nuovo secolo che inizia nel 2021, questo termine dobbiamo pluralizzarlo. Lo Smart

Verso la responsabilità

Si dice giustamente che nel tempo presente, di fronte alla necessità -per ogni cittadino- di rispondere ad aspettative sempre nuove, più delle conoscenze tecniche, professionali,

L’etica nel lavoro

“Il mondo è la totalità dei fatti, non delle cose”, cosi direbbe Wittgenstein e a far da sponda filosofica ci troveremmo Kant.  Vorrei partire da

Torna a tutti gli Articoli